Home » Convegni e Giornate

Convegni e Giornate


CREIAMO FUTURO PER I GIOVANI 2

CREIAMO FUTURO PER I GIOVANI 2 - ANZIANI A CASA PROPRIA ONLUS

Programma


Ore: 9,30–13.00
DIBATTITO CON L’ON. ENRICO MORANDO
Vice ministro Economia e Finanza
Apertura della Giornata: Anna Giulia Sacchi
Direttore Culturale Responsabile Relazioni Istituzionali
PRIMA RELAZIONE “Anziani e Giovani un unico futuro”,
Maria Grazia Mazzola,
Giornalista RAI Inviata Speciale TG1 Redazione Approfondimenti

SALUTO DELLE AUTORITA’
Luca Zaia, Presidente Regione Veneto
Rosario Rizzuto, Magnifico Rettore Università di Padova
Patrizia Impresa, Prefetto di Padova
Vera Sodero, Assessore al Sociale Comune di Padova
Don Marco Cagol, Vicario Episcopale per le Istituzioni e il Territorio Diocesi PD
Emanuele Alecci, Presidente CSV provincia di Padova

Ore 10.30-12.00 INTERVENTI
Giusy Di Gioia, Presidente di Anziani a casa propria dall’utopia alla realtà onlus Padova
Stefano Valdegamberi, Consigliere Regionale Veneto, primo firmatario della L.R. n.3/2015
Daniele Borioli, Senatore della Repubblica
Monica Quanilli, Assistente Sociale. Presidente Ordine Assistenti Sociali Veneto
Alessandro De Carlo, Presidente Ordine degli Psicologi del Veneto
Alessandro Russello, Direttore Corriere del Veneto
Serena Rossi, Avvocato Esperta in Diritto della Famiglia Coordina Equipe Giuridica
ed Equipe Multiprofessionale e Interistituzionale Affido
Filippo Frattina, Avvocato. Coordina Equipe Giuridica ed Equipe Multiprofessionale e Interistituzionale Mirella Zambello, Docente a contratto Unipd e Unive, Corsi di Servizio Sociale

Partecipano al Dibattito Giovani Studenti con i loro Presidi e Docenti:
-Istituto Leonardo da Vinc -The English International School of Padua
-Istituto Barbarigo - Istituto Maria Ausiliatrice -Dip.Scienze dell’Educazione.
Unipd (Assistenti Sociali)

Moderano: Avvocati Serena Rossi e Filippo Frattina

Convegni e Giornate

Convegni e Giornate - ANZIANI A CASA PROPRIA ONLUS

L'AFFIDO dell'ANZIANO e dell'ADULTO da utopia a legge regionale del Veneto

L'AFFIDO dell'ANZIANO e dell'ADULTO da utopia a legge regionale del Veneto - ANZIANI A CASA PROPRIA ONLUS

A POCHE SETTIMANE DALL'APPROVAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE DEL VENETO n.3/2015, sull'Affido dell'anziano e dell'adulto, in difficoltà,  Anziani a casa propria dall'utopia alla realtà onlus Padova, ha organizzato una GIORNATA NAZIONALE DI FORMAZIONE E DIBATTITO PER FAR CONOSCERE ED APPROFONDIRE, FINALITA' E CONTENUTI DELLA NUOVA NORMATIVA

ANZIANI PER PADOVA 7-13 maggio 2012

ANZIANI PER PADOVA 7-13 maggio 2012 - ANZIANI A CASA PROPRIA ONLUS

Anziani per Padova
7-13 maggio 2012
In occasione dell'Anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni
 

Dal 7 al 13 maggio prossimi si svolgerà la prima edizione di “Anziani X Padova”, un’intensa settimana di iniziative sui temi dell’invecchiamento attivo e della solidarietà intergenerazionale, promossa dal Dipartimento interaziendale ad attività integrata dell’anziano dell’Azienda ospedaliera di Padova, l’ULSS 16 e l’Università di Padova, insieme all’Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Padova, all’Ufficio scolastico provinciale e all’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute, in collaborazione con CSV-Centro servizi per il volontariato della provincia di Padova, di enti e istituti di cura, e con l’ampio coinvolgimento della rete di associazioni che operano sul territorio.

  

L’evento nasce dall’esigenza di ridare valore al ruolo sociale dell’anziano nella sua globalità, obiettivo a cui invita anche l’Unione Europea che ha proclamato il 2012 Anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni.

Giornata Nazionale sulla Domiciliarità:

Giornata Nazionale sulla Domiciliarità: - ANZIANI A CASA PROPRIA ONLUS

Antichi e nuovi modelli di cura dell’Anziano e dell’Adulto. 

  
Venerdì 28 maggio 2010 - ore 8.30-17.00
Aula “I. Nievo” Università degli Studi di Padova - Via VIII febbraio n.6 
 
Non saremo mai più gli stessi, dopo una crisi che, all’inizio solo finanziaria, si è posta poi come un grande, ineluttabile punto di domanda sul vero grado di felicità che siamo stati in grado di raggiungere. Per anni si è accettata l’idea che l’economia potesse essere estranea, se non ostile, al sociale. Per anni si è fatta strada la persuasione che il lavoro fosse tutt ’altro rispetto alla ricchezza, quella “vera”, che richiedeva solo scorciatoie. 
Così come ha in fondo lambito molti di noi l’assunto che il mercato dovesse comunque essere più veloce delle democrazia.  
La finanza è stata cristallizzata come una religione insindacabile, totalmente disgiunta da qualunque processo deliberativo che tenesse conto di tutti, “perfino” dei più deboli. 
Il risultato è sotto gli occhi di tutti, con un carico di sofferenza e dolore che pesta duro e aggiunge nuovi zeri alle cifre di quelli che non ce la fanno.  
Non è stato quel successo che ci avevano promesso. 
Vi proponiamo di cominciare da ciò che certamente resta a ciascuno di noi: se stesso e la capacità di mettersi solidale con l’altro. 
In fondo, se l’unica risorsa veramente non rinnovabile della nostra vita è il tempo (non la ricchezza) concediamoci con questa Giornata Nazionale di studio una zona franca per fermaci e riflettere su nuovi modi di prendersi cura. 
Di noi stessi, prima di tutto, poi degli altri e, tutti insieme, di un mondo che non vada in mille pezzi da una mattino all’altro. 
Un mondo costruito su una rete di relazioni di reciprocità e fiducia, un capitale difficilmente intaccabile, ma solo suscettibile di aumento e nuovi dividendi, quanti saranno quelli che si metteranno a camminare su questa strada. 
Una strada che Anziani a casa propria, che ha scelto la lenta, saggia e solida tartaruga come proprio simbolo, ha già imboccato: una cultura della domiciliarità, per restare se stessi e a casa propria, aperti a tutti e all’aiuto di tutti.
 
Una cultura dell’affido: del fidarsi e dell’affidarsi, con una proposta di legge che incoraggia le persone anziane, gli adulti in difficoltà e la famiglie coraggiose e aperte a scegliersi. 
Un primo slancio emotivo, poi un patto ragionato e accompagnato, assistito e controllato da un’equipè qualificata, sempre nel segno di una città tutta solidale. 
Oggi mettiamo a tema questi argomenti e queste modalità nuove del prendersi cura, forti di esperienze concrete in varie parti d’Italia che hanno dimostrato come vi siano energie, potenzialità, risorse che nessuna crisi al mondo potrà mai cancellare. 
Anzi. Perché se è vero, per citare Woddy Allen , che la cosa più difficile da prevedere è il futuro, la responsabilità di ogni giorno e pratiche solidali collaudate da tempo sono la caparra certa che ci mette al riparo da brutti risvegli. 
Chi aveva garantito certezze oggi è in grave imbarazzo, chi con il sociale ha responsabilmente abbracciato tutta la precarietà e la poesia della vita ha nuovi, ottimi argomenti per investire su un capitale incorruttibile.
 
 
Programma:
Maria Luisa Vincenzoni - Giornalista - Moderatore
PRINCIPI ETICI E GIURIDICI SULLA DOMICILIARITA' E LA COMMUNITY CARE 
Graziana Campanato - Consigliera di Cassazione, Presidente Donne Magistrale, già Presidente del Tribunale per i Minorenni del Veneto 
L’ESPERIENZA DELL'AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO 
Renato Pescara - Docente di Diritto Comparato, Università degli Studi di Padova 
Francesca Succu - Presidente dell’Associazione “Amministrazione di Sostegno 
Ruolo del Servizio Sociale rispetto ad anziani e adulti non autosufficienti.. 
Elisabetta Neve - Docente di servizio sociale presso l’Università degli Studi di Padova. 
Collaboratrice della Fondazione “E. Zancan”
 
IL CONTRIBUTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE ALLA LEGISLAZIONE E ALLA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI - L'ESPERIENZA DI ANZIANI A CASA PROPRIA
Giusy di Gioia - Assistente Sociale, Presidente dell’Associazione “Anziani a casa propria dall’utopia alla realtà -onuls- Padova
 
ESPERIENZA DI COLLABORAZIONE TRA ENTI DIVERSI E FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO TERRITORIALE INTEGRATO DI "ANZIANI A CASA PROPRIA" PROSPETTIVE PER IL 2010  
Anna Maria Ferilli - Psicologia dell’Ulss 16 Padova, Coordinatrice del Centro Sociale di animazione cultuale dei Colli 
VIVERE ATTIVA-MENTE IL CENTRO DIURNO: METODOLOGIA E OBIETTIVI
Alessandra Castelliti Psicologa e Psicoterapeuta 
ATTIVITA' CULTURALI E LABORATORI CREATIVI REALIZZATI: STRUMENTI EFFICACI DELLA NOSTRA METODOLOGIA  
Barbara Gamba - Educatrice e Pedagogista  
Maria Luisa Vincenzoni - Giornalista